A Desenzano la nuova mostra ‘Il mio Purgatorio. Dante profeta di speranza’

Dal 7 al 28 gennaio presso il Castello di Desenzano del Garda si svolgerà il nuovo appuntamento con il progetto Dante profeta di speranza, con la nuova mostra Il mio Purgatorio dedicata al viaggio compiuto nella Commedia da Dante Alighieri, iniziato lo scorso anno con la mostra Il mio Inferno, grazie ai contributi fondamentali del saggista e pedagogista Franco Nembrini come curatore e dell’illustratore Gabriele Dell’Otto.

Si tratta di un vero e proprio viaggio per i giovani e che coinvolge i giovani, con l’obiettivo di avvicinare e appassionare le nuove generazioni alla lettura della Divina Commedia. Il progetto ha infatti per protagonisti 40 ragazzi e ragazze del triennio delle scuole secondarie di secondo grado, in particolare del Liceo G. Bagatta di Desenzano e dell’Istituto Bazoli Polo assieme ad altri istituti del Basso Garda, i quali, grazie all’attività dei PCTo (Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento), sono stati formati sui contenuti delle mostre, per poterle presentare ai coetanei e a tutti i visitatori. Inoltre, alcune guide saranno giovani universitari e lavoratori desenzanesi che da anni vivono il percorso formativo all’interno del progetto Segni del Vero, la realtà educativa e formativa dei giovani del Duomo di Desenzano e di San Giuseppe Lavoratore guidati da don Gabriele Vrech.

L’esposizione si sviluppa nella cornice suggestiva del castello: il visitatore si troverà ad attraversare il Purgatorio dantesco, immergendosi in un percorso multisensoriale fatto di proiezioni di immagini, video e suoni.
Sono 33 le tappe, scandite da altrettante illustrazioni a corredare approfondimenti e riflessioni, arricchiti da elementi unici per l’allestimento di Desenzano.

La mostra è stata realizzata grazie alla collaborazione tra Associazione Rivela, Casa Editrice Centocanti e Diocesi di Verona, organizzata dalla Città di Desenzano del Garda, Duomo di Desenzano e Segni del Vero (progetto culturale, educativo e teatrale delle parrocchie del centro storico della città), con il contributo di Fondazione Cariplo, BCc Verona e Vicenza, BCC del Garda (e tutti i donatori sulla piat- taforma Ideaginger), Hotel Desenzano, Castello del Belvedere famiglia Cerini, Studio Maiolo Gandellini, Hotels Promotion Desenzano, Grana Padano.

Per info e prenotazioni (gratuite) danteprofetadisperanza.it

Questo il calendario degli eventi collaterali allestiti per l’occasione a Desenzano

Sabato 13 gennaio, ore 18.30 – presso il Teatro Paolo VI
Spettacolo teatrale – “La bontà infinita ha si gran braccia, che prende ciò che si rivolge a lei!”: meditazione spettacolo a cura della Compagnia Teatrale Profumo di Cielo sul tema del Purgatorio, che esplorerà con il pubblico tre canti fondamentali della cantica. Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.

Sabato 20 gennaio, ore 9.30 -presso il Castello di Desenzano
“Dante Atleta di Speranza – Il mondo dello sport incontra la Commedia”:
un evento unico di altissimo profilo sportivo promosso da Ufficio Pastorale dello Sport della Diocesi di Verona e patrocinato da Coni Lombardia,Coni Veneto, CDO Sport, e dalle realtà sportive provinciali di Mantova, Brescia e Verona. Per un giorno Desenzano diventerà luogo di incontro per lo sport di due grandi regioni. Media Partner: SportdiPiù Magazine.
L’evento è riservato al mondo sportivo accreditato.

Venerdì 26 gennaio, ore 19.00 – presso Oratorio Giovanni XXIII
La mostra si racconta – Dialogo con Franco Nembrini, Gabriele Dell’Otto e le guide de “Il mio purgatorio”. Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili.
Alla mostra è dedicata inoltre la speciale etichetta della bottiglia di Lugana Doc Mandolara Le Morette – Azienda Agricola Valerio Zenato con illustrazione di Dell’otto.