Alpo Basket beffata al supplementare da Crema

Beffa atroce per Drain by Ecodem Alpo che perde in casa dopo un supplementare con la Parking Graf Crema (58-59): il verdetto arriva ad 1 secondo dal termine dell’overtime quando sul +1 Alpo, Nori subisce sotto canestro un inesistente fallo da Reani e realizza i liberi del sorpasso. Grande rammarico per le veronesi che dal terzo quarto in avanti hanno messo sotto le cremasche ed hanno assaporato il gusto del colpaccio, vanificato, come detto, ad un secondo dal gong (le immagini hanno evidenziato che non c’è nessun fallo sull’ultimo tiro del numero 4 di Crema). Serata di grandissima difesa per l’Alpo Basket (ben 27 palle perse per il Basket Team) che oltretutto ha vinto in valutazione (57-51), con 20 della sola Vespignani che ha messo insieme 11 punti, 6 assist, 6 falli subìti, 5 rimbalzi e 6 recuperi.

Primo quarto a punteggio bassissimo, le difese (anche a zona) dominano sugli attacchi e le due contendenti riescono a mala pena ad arrivare a fine tempo in doppia cifra (10-10 alla prima pausa). Nel secondo periodo l’equilibrio prosegue e si assiste ad una lunga serie di sorpassi e contro-sorpassi. Il tiro da tre non entra per nessuna delle due contendenti (0/9 per l’Alpo all’intervallo lungo), la prima a sbloccarsi da oltre l’arco è Crama che colpisce con Caccialanza e Capoferri (16-20). Mosetti dimezza il ritardo (18-20), Nori mette il cesto del 18-22, Conte quello del 20-22 e l’ultimo canestro del quarto è di Dobrowolska (20-24 a metà partita).

Nel terzo quarto Crema allunga con la tripla di tabella di Caccialanza (22-27), Vespignani ricuce il ritardo con un gioco da tre punti (27-29), cui seguono le triple di Pappalardo e Vitari (la prima della serata per le biancoblù di casa che vale il 30-32). Nori ripristina il +4 di inizio tempo (30-34) ma negli ultimi 5 minuti e mezzo di questo quarto le ospiti non vedono letteralmente più il canestro e subiscono un break di 12-0. Conte da tre sigla il -1 (33-34), Mancinelli sorpassa (35-34), poi sale in cattedra Reani che ne mette 5 consecutivi, intervallati da una mega stoppata su Dobrowolska, e infine capitan Vespignani mette la tripla del 42-34 con cui si va al riposo (42-34).

Il quarto periodo si apre con i liberi di Cerri e la tripla di Caccialanza (42-39), la zona di coach Stibiel è fastidiosa, tanto che Drain by Ecodem commette due infrazioni di 24″ consecutive. Ci pensa Conte da tre a ricacciare indietro le biancoblù ospiti (45-39) e, dopo il paniere di Capoferri (45-41), “Nasti” si ripete da oltre l’arco (48-41). Negli ultimi 3 minuti del tempo però le veronesi realizzano solo due punti, Dell’Olio commette fallo sulla conclusione da tre di Capoferri e poi fa 0/2 dalla linea: Crema riesce a risalire sino al -1 (48-47) e a 1′:19″ dalla sirena Mancinelli infila i liberi del 50-47. La Parking Graf ha la palla del pareggio, Capoferri fallisce la tripla, cosa che non fa capitan Caccialanza che pareggia a 0′:24″ dalla fine (50-50). Dopo il time out, la squadra di coach Soave ha la palla della vittoria: Vespignani fa correre il cronometro, l’attacco non trova spazi e la palla finisce a Conte che dai 7 metri sbaglia la tripla del successo.

L’overtime si apre con il cesto di Pappalardo e la tripla di Gatti (50-55): la difesa di casa fa la differenza e in attacco va anche meglio perché è di 7-0 il parziale interno: tripla di Mancinelli seguita dei canestri di Vitari e Dell’Olio che valgono il sorpasso (57-55). A 1′:02″ dal termine del supplementare Gatti pareggia dalla lunetta (57-57), Dell’Olio dalla media fallisce il tiro del +2 e sul possesso successivo Caccialanza commette infrazione di doppio palleggio. Palla Alpo con 0′:25″ da giocare, Vespignani subisce fallo in entrata e fa 1/2 ai personali (58-57): sul capovolgimento di fronte, come già raccontato, Nori subisce un “non fallo” da Reani e la chiude dalla linea della carità (58-59).