Caldiero niente da fare, la Coppa Italia Dilettanti va al Casarano

Niente da fare per il Caldiero allenato mister Cristian Soave che, nella finale di Coppa Italia Dilettanti, si è arreso di misura contro la corazzata Casarano.
Il risultato finale di 2-1 premia la formazione pugliese che torna a vincere la coppa dopo dieci anni.
Per i veronesi, neo promossi in serie D, una prestazione di grande spessore non è stata purtroppo sufficiente per centrare un obiettivo impensabile fino a qualche mese fa.
Il risultato finale che è rimasto in dubbio fino al 43′ della ripresa quando Mincica ha messo dentro il gol del 2-0. A nulla è valso il gol della bandiera messo a segno da Guccione nei minuti di recupero.
Il Caldiero esce comunque a testa alta, con la consapevolezza di aver tenuto testa ad una formazione che reduce da una stagione a dir poco trionfale con la vittoria del campionato di Eccellenza e della Coppa Italia di Eccellenza Puglia.

CALDIERO TERME-CASARANO: 1-2

Reti: 32′ pt Palma (CS), 43′ st Mincica (CS), 46′ st Guccione (CT)
CALDIERO TERME: Fortunato (35′ st Anderloni), Baschirotto (35′ st Brunazzi), Pisani (10′ st Gecchele), Filiciotto (20′ st Zanetti), Tonolli, Falchetto, Zerbato, Peotta, Guccione, Viviani, Vanzetta (10′ st Baldani).
A disp. Concato, Mezzina, Odigwe, Braggio. All. Soave.
CASARANO: Grasso, Dall’Oglio, Morleo, Vicedomini, D’Aiello, Palma (29′ st Bonasia), Cianci, Rescio, Di Rito (29′ st Agodirin), Mincica, Caputo (45′ st Esposito).
A disp. Iuliano, Diaoula, Cantatore, Lobjanidze, Cappilli, Carraro. All. De Candia.
ARBITRO: Gianluca Renzi di Pesaro (Galimberti di Seregno, Cravotta di Città di Castello – IV Galasso di Ciampino).
NOTE: pomeriggio nuvoloso, temperatura 18°, terreno in perfette condizioni.
Ammoniti: Guccione, Tonolli, Baschirotto, Zanetti (CT), Di Rito, Agodirin, Dall’Oglio (CS).
Espulsi: De Candia (all. Casarano) al 7′ st per proteste.
Recupero: 4′ pt.