Fondazione Cortina per gli atleti veneti: al via il Progetto Giovani

Fondazione Cortina, l’ente organizzatore dei grandi eventi sportivi nella conca ampezzana e braccio operativo regionale per le prossime Olimpiadi e Paralimpiadi del 2026, ha dato avvio al “Progetto Giovani”, un’iniziativa che punta a sostenere il percorso di preparazione di un gruppo di  atleti veneti delle discipline invernali olimpiche e paralimpiche che inseguono il loro sogno di essere protagonisti nei Giochi di casa del febbraio-marzo 2026. Per questo Fondazione ha stanziato un budget dedicato per sostenere concretamente il percorso di crescita sia sportivo che umano degli atleti contribuendo alla copertura di alcuni costi quali il mental coach, il nutrizionista, le spese di trasferta, ma anche spese universitarie e i costi per il noleggio di attrezzature per la preparazione delle squadre, come nel caso del curling.

Ad oggi hanno aderito già 12 atleti e i 2 team del curling che si impegneranno ad essere ambasciatori dei valori dello sportsul territorio anche partecipando ad incontri con le scuole e le associazioni sportive, contribuendo così a tramandare la grande tradizione sportiva che il veneto e il bellunese può vantare e ispirando le nuove generazioni alla pratica dello sport, all’adozione di uno stile di vita sano e attivo e ai valori del fair play.

“L’appuntamento con i Giochi di Milano-Cortina 2026 sta attivando i territori italiani – ha detto Flavio Roda, Presidente FISI – in una serie di iniziative che rappresenteranno uno dei lasciti dell’Olimpiade italiana. In questo contesto si inserisce perfettamente il lavoro di Fondazione Cortina che con il ‘Progetto Giovani’ intende supportare i giovani talenti del Veneto nel loro percorso di avvicinamento ai Giochi. La Federazione non può che sostenere ed apprezzare i contenuti del progetto, che contribuirà a dare sostanza e solidità al lavoro che gli atleti già svolgono con le rispettive Nazionali e con la Federazione stessa”.

“Essere concretamente al fianco dello sport e degli atleti, è questo l’obiettivo del ‘Progetto Giovani’ che, assieme al Presidente Stefano Longo e al team di Fondazione Cortina ho fortemente voluto – ha dichiarato il Direttore Generale di Fondazione Cortina Michele Di GalloScegliendo di investire in questi atleti scegliamo di investire nel futuro della montagna. Riteniamo che accompagnare i giovani talenti nel loro percorso di preparazione atletica sia il modo migliore perché il Veneto possa essere protagonista delle prossime Olimpiadi e Paralimpiadi del 2026; al contempo vogliamo contribuire a sostenere la grande tradizione sportiva del nostro territorio attraverso il racconto dal vivo e via social dei valori dello sport che queste promesse tramanderanno alle nuove generazioni”.

“Sono orgoglioso di far parte di questo progetto che vuole valorizzare gli sportivi del territorio olimpico di Cortina e del Veneto, contribuendo inoltre a far conoscere e radicare i Giochi 2026 nelle montagne bellunesi e venete. Il Progetto Giovani di Fondazione Cortina mi ha convinto anche per due altri motivi: uno è quello che valorizza e promuove anche le discipline meno conosciute del variegato mondo degli sport invernali e del ghiaccio, l’altro è che permette a noi atleti di conoscere dall’interno la macchina organizzativa dei grandi eventi e la loro promozione all’esterno” ha commentato l’atleta Mattia Gaspari, skeletonista azzurro, medaglia di bronzo nella specialità Mixed ai Mondiali 2020.

“Sono grata di essere stata scelta tra i protagonisti del progetto Giovani di Fondazione Cortina. Mi piace l’idea di contribuire a promuovere i tanti importanti eventi che si svolgeranno sulle nostre Dolomiti nei prossimi mesi e che saranno importanti tappe di avvicinamento alle Olimpiadi del 2026.  Sono la più giovane del gruppo e inizio questa avventura desiderosa di imparare dai miei colleghi più esperti per essere la miglior ambasciatrice possibile di un’iniziativa che, mi auguro, possa non solo contribuire a far conoscere maggiormente gli sport invernali, soprattutto tra i miei coetanei e tra i bambini e ragazzi, ma anche far aumentare il numero di praticanti degli sport della neve e del ghiaccio che nel nostro territorio hanno una grande tradizione ma, sono convinta, anche un grande futuro” ha affermato, Iris De Martin Pinter, la giovanissima fondista di Padola di Comelico Superiore che nel 2023 ha conquistato la medaglia di bronzo in staffetta ai Mondiali Juniores ed ha fatto il proprio esordio ai Mondiali Assoluti.