GirodiPiù – Road to Verona – #Tappa14

“Poche chiacchiere e menare” era il motto di Felice Gimondi, uno dei 7 atleti nella storia che è riuscito a vincere Giro, Tour e Vuelta. Non si poteva fare diversamente ieri, con i 131 Km della Saint Vincent – Courmayer, che hanno regalato spettacolo e sorprese. Passato il tempo dei tatticismi, sulle salite della quattordicesima tappa i big hanno misurato le forze e si sono sfidati a viso aperto.

I titoli di giornata vanno all’ecuadoregno Richard Carapaz, che sferra l’attacco decisivo sull’erta del San Carlo e con un’azione arrembante piazza il colpo grosso, vincendo la corsa e conquistando la maglia rosa. E’ la seconda tappa del Giro 2019 vinta dal grimpeur della Movistar, che da quando sono arrivate le montagne ha recuperato a Roglic tutto lo svantaggio patito a cronometro. Oggi precede proprio lo sloveno in classifica, iscrivendosi di diritto nell’élite di coloro che possono ambire a sollevare il trofeo “Senza Fine” a Verona. Secondo gradino del podio di giornata per Simon Yates, che supera un momento di difficoltà e anticipa di poco il gruppetto dei migliori, arrivati a quasi due minuti dal vincitore e regolati in volata da Vincenzo Nibali. Il capitano della Bahrain Merida è scattato più volte sia in salita che in discesa, supportato dal suo eccellente gregario Damiano Caruso (in giornata di grazia), ma non ha avuto fortuna. Primoz Roglic in particolare è stato la sua ombra: pur impegnandosi – Nibali aveva polemizzato con lui nei giorni scorsi accusandolo di scarsa collaborazione – non ha reagito a Carapaz ma è stato attento a non concedere niente all’italiano che scala terzo nella generale.
Oggi ultima frazione della settimana prima del giorno di riposo, 232 Km da Ivrea a Como in cui prevedibilmente sarà di nuovo bagarre: i primi 160km sono pianeggianti ma il finale in rapida successione vedrà tre salite difficili come il Ghisallo, la Colma di Sormano e soprattutto il Civiglio, in cui la pendenza media è del 10%.

“Poche chiacchere e menare” anche domani perchè i pretendenti al trono sono ora un terzetto, con Carapaz che sgomita tra il freddo sloveno e lo Squalo dello Stretto. Siamo però sulle strade del Giro di Lombardia, “classica monumento” vinta già 2 volte da uno di loro…. Parliamo di Vincenzo Nibali naturalmente, che è peraltro il secondo italiano dopo Gimondi iscritto al club dei magnifici 7 vincitori delle 3 maggiori corse a tappe….

Fabrizio Sambugar
Foto: Richard Carapaz vince ls 14esima tappa del Giro 2019