Per King Rock medaglie e piazzamenti ai Campionati Italiani Under 14

Dal 2 al 4 giugno si sono svolti alla palestra Orobia Climbing di Bergamo i Campionati Italiani Giovanili Under 14 ai quali hanno partecipato i migliori atleti di ogni regione nelle specialità Lead, Boulder e Speed. Otto gli atleti e le atlete che hanno raggiunto la qualificazione ai Campionati: Filippo Andreoli, Luca Carrarini, Angelica Ferraro, Pietro Franzoni, Pietro Pisani, Anna Rizzi, Pietro Rizzi e Giulio Sbabo. Con loro, come sempre, gli allenatori Alessandro Castellani, Matteo De Vita, Maria Fattore, Camillo Gazza, Stefano Pavan e Alex Ventajas. Pietro Franzoni, 12 anni, è riuscito ad ottenere ben due medaglie. Venerdì, nella Lead, è arrivato terzo dietro a Leonardo Donola (Opera Verticale ASD) e Andrea Locatelli (Koren).
Il giorno successivo si è svolta la gara Boulder dove è arrivato secondo, davanti ad Andrea Locatelli e dietro Leonardo Donola. Sfortunato domenica nella Speed, dove un piccolo inciampo negli ottavi gli è costato la qualificazione ai quarti. Termina così quarto nella combinata, classifica che combina i risultati nelle tre discipline.
Nella Speed, invece, il podio lo sfiora Luca Carrarini, terminato quarto, facendo però segnare ottimi tempi durante tutta la gara.Buoni risultati anche nell’Under 10 Speed. Il format vedeva gli atleti competere in squadre regionali e il Veneto, con l’atleta King Rock Filippo Andreoli, ha chiuso in seconda posizione dietro al Trentino Alto Adige.
“Sono stati degli ottimi campionati” – commenta Alex Ventajas – “durante i quali i ragazzi e le ragazze si sono divertiti e sicuramente ci sono dei prospetti che nella prossima stagione, alzando l’asticella nella categoria Under 16, potranno fare molto bene”. “Prima dei risultati” – ha concluso Ventajas – “King Rock è molto contenta di dare la possibilità a questi giovanissimi atleti di vivere esperienze come quelle dei Campionati Italiani: tre giorni di gare serrate, con avversari-amici da tutta Italia, arrampicando a livelli altissimi e raccogliendo i frutti di una stagione di allenamenti. Sono momenti significativi e che possono dare tanto nel processo di crescita di una persona”.