Scaligera Basket, al centro c’è Kamari Murphy

Scaligera Basket comunica di aver siglato un accordo per la stagione sportiva 2023/24 con l’atleta di nazionalità americana Kamari Murphy. Nato il 14 dicembre del 1993 a Brooklyn, Murphy è un centro di 206 cm che nell’ultima stagione è stato protagonista con la formazione GTK Gliwice nella massima lega polacca. 

“Sono davvero entusiasta di questa nuova avventura con la Tezenis Verona” – ha dichiarato Kamari Murphy -“si tratta di un’opportunità importante per la mia carriera che fin da subito, già dal primo contatto, ho guardato con grande attenzione, per diventare uno dei leader e avere delle responsabilità all’interno del team per raggiungere tutti insieme i nostri obiettivi. Mi sento di essere a un punto della mia carriera pronto per questo, per mettermi anche a disposizione di tutti i compagni di squadra più giovani. So che abbiamo un team completamente nuovo, non vedo l’ora di conoscere i nuovi compagni di squadra, il coaching staff e naturalmente i tifosi. Vivere in una città come Verona, conoscerne i monumenti e la cultura sarà bellissimo”.

“Quello di Kamari Murphy” – spiega il vicepresidente della Scaligera Basket Giorgio Pedrollo – “è sicuramente un inserimento importante per il nostro roster. Abbiamo apprezzato la sua energia e la sua capacità di fare canestro sia da situazioni statiche che in movimento. È il giocatore che stavamo cercando per completare il nostro gruppo. Abbiamo un roster di giocatori giovani ma con tanta voglia di migliorare e continuare la propria crescita, adatti al sistema di gioco del nostro coach, che rispecchia la volontà del club di competere ad alto livello. Sono sicuro che tutti i giocatori avranno un impatto molto buono e inoltre cresceranno nel corso della stagione. Sarà un campionato sicuramente di valore perché la concorrenza delle altre squadre è altissima”.

“Il dinamismo e la versatilità” – evidenzia l’allenatore gialloblu Alessandro Ramagli – “rendono Kamari Murphy” un giocatore particolarmente adatto a quello che è stato il nostro concetto di costruzione della squadra, adatto e appetibile per un campionato come quello di Serie A2 che ha sempre visto questo tipo di giocatori rivestire ruoli da protagonisti grazie alla versatilità che riescono a mettere in campo. Alla soglia dei 30 anni chiede alla propria carriera di fare uno step in avanti, come tanti altri giocatori di questo gruppo. Tutto questo è stato confermato e rafforzato dai colloqui personali che hanno mostrato, oltre alle qualità umane, un ragazzo che ha voglia di lanciarsi definitivamente utilizzando Verona e il campionato che dovremo affrontare come un trampolino di lancio per sé e per la squadra”.